logo Camera
SILOS
Sistema Informativo Legge Opere Strategiche

 Formato pdf  

CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE
Nuova tratta Modena-Lucca (A1-A22)
Sistema Tangenziale di Lucca
Sistema Tangenziale Est di Lucca: SS12 Toscana - Viabilità Est di Lucca inclusi i collegamenti fra Ponte Moriano e i caselli dell' A11 del Frizzone e di Est

SCHEDA N. 214
Costo
Quadro finanziario
CUP
Tipologia opera

Rete stradale
Localizzazione
9° Allegato Settembre 2011: Si
Soggetto titolare

ANAS Spa
Stato di attuazione

Progettazione preliminare
Ultimazione lavori


Classificazione intervento

Classificazione: Interventi presenti nell'11° Allegato Infrastrutture
Descrizione

Il Sistema Tangenziale di Lucca è costituito da una nuova rete stradale, di estensione complessiva di circa 30 km, che prevede l’adeguamento di viabilità esistenti in ambito periurbano e la realizzazione di nuovi tratti di strada a due corsie, quali: - Asse Nord-Sud che si connette a nord con la SS12 “del Brennero” ed a sud con la SP 23 “Romana” in località Antraccoli; - Asse Ovest-Est, che dalla nuova intersezione di Lucca Est sulla A11 si collega all’asse Nord-Sud in loc. Antraccoli mediante la nuova intersezione di Antraccoli; - Asse Est-Ovest, che dalla nuova intersezione di Antraccoli si sviluppa in direzione est verso il nuovo casello di Capannori in località Frizzone; - Adeguamento della SS12, di collegamento tra il ponte esistente sul fiume Serchio in loc. Ponte a Moriano ed il nuovo ponte in progetto (quest’ultimo non di competenza ANAS) in loc. Corte Pasquinelli; - Cavalcaferrovia sulla linea Lucca-Pistoia-Firenze nell’area “ex scalo merci” di Lucca, comprensivo del collegamento con la viabilità esistente; - Nuova viabilità di collegamento tra via di Sottomonte in loc. Carraia ed il casello A11 del Frizzone (adeguamento di via del Rogio) - “Opera connessa”; - Circonvallazione di Altopascio: nuova viabilità di collegamento tra il casello A11 del Frizzone e la SP 3 “Bientina Altopascio”. L’intervento complessivo, ad eccezione dell’adeguamento della SS 12 di categoria stradale C2, ha una sezione stradale a due corsie di categoria C1 secondo il D.M. 5/11/2001, con una corsia per senso di marcia ed una piattaforma stradale di larghezza complessiva pari a metri 10,50.

DELIBERE CIPE

Seduta del 10/08/2016
DATI STORICI

2001

Nella delibera CIPE n. 121 sono presenti: tra i Sistemi stradali ed autostradali del Corridoio Plurimodale Dorsale Centrale, l'opera “Modena-Lucca”; tra i Sistemi stradali ed autostradali dei Corridoi Trasversali e Dorsale Appenninica, l’opera Valichi appenninici che, come esplicitato nell’Allegato 2 - interventi strategici di preminente interesse nazionale articolati per Regioni e per macrotipologie - include l’intervento “Ammodernamento SS 12 Abetone e Brennero”.


2002

In data 3 febbraio 2003, è sottoscritto dalla Provincia di Lucca, dai Comuni di Lucca, Capannori, Altopascio, dall’Associazione Industriali e dalla Camera di Commercio, un documento nel quale sono indicate, conformemente agli strumenti urbanistici dei singoli Comuni, le linee guida della nuova viabilità della piana di Lucca.


2003

L’opera “Ammodernamento SS 12 Abetone e Brennero” è inclusa nell’Intesa Generale Quadro Governo-Regione Toscana del 18 aprile 2003.


2005

L’infrastruttura è compresa nel piano decennale ANAS 2003-2012 approvato dal CIPE con delibera n.4 del 18 marzo 2005.
ANAS SpA, con nota n. 3405 del 21 giugno 2005, trasmette il progetto preliminare e lo studio di impatto ambientale del “Sistema Tangenziale di Lucca”, comprendente la Tangenziale Est e la Tangenziale Ovest, agli Enti competenti, per il parere di Valutazione di Impatto Ambientale, la localizzazione ed il finanziamento dell’opera.
La Regione Toscana, con DGR n. 1020 del 17 ottobre 2005, esprime parere contrario al conseguimento dell’intesa sulla localizzazione delle opere previste nel progetto preliminare denominato “Sistema tangenziale di Lucca” ed in particolare per la Tangenziale Ovest ritenendo l’intervento relativo alla Tangenziale Est, comprensivo dell’asse Est–Ovest, meritevole di essere approfondito per meglio adattarlo alle caratteristiche dei luoghi attraversati e per migliorare la qualità degli interventi di mitigazione.
Nell’atto Aggiuntivo all’Intesa Generale quadro tra Governo e Regione Toscana, sottoscritto il 22 gennaio 2010, gli interventi stradali di interesse statale riguardanti il territorio della Provincia di Lucca sono indicati prevedendo, all’interno del potenziamento dei valichi appenninici, esclusivamente la viabilità Est di Lucca comprendente i collegamenti fra Ponte a Moriano ed i caselli autostradali dell’A11 del Frizzone e di Lucca Est per un importo attualizzato di 200 milioni di euro.
In data 14 aprile 2011 è stipulato un Protocollo d’Intesa tra il MIT, la Regione Toscana, la Provincia di Lucca, il Comune di Lucca, il Comune di Capannori e ANAS SpA finalizzato alla progettazione e realizzazione del “Sistema Tangenziale di Lucca. Viabilità Est di Lucca comprendente i collegamenti tra Ponte a Moriano e i caselli dell’A11 Frizzone e Lucca Est”. Lo stesso giorno è altresì stipulato un Protocollo d’Intesa fra la Regione Toscana, la Provincia di Lucca, il Comune di Lucca, il Comune di Capannori per la realizzazione degli interventi accessori e di valorizzazione del territorio connessi alla viabilità Est di Lucca comprendente i collegamenti tra Ponte a Moriano ed i caselli dell’Autostrada A11 del Frizzone e di Lucca Est.


2011

L'opera è inserita nell'Intesa Generale Quadro Regione Toscana del 16 giugno 2011.


2013

In data 31 gennaio 2013, ANAS SpA approva il progetto preliminare e lo studio di impatto ambientale.
In data 25 febbraio 2013, ANAS SpA, in qualità di soggetto aggiudicatore, chiede alla STM del MIT l’attivazione delle procedure autorizzative di localizzazione e VIA del progetto preliminare “Sistema Tangenziale di Lucca. Viabilità Est di Lucca comprendente i collegamenti tra Ponte Moriano ed i caselli dell’A11 Frizzone e Lucca Est”. Lo stesso giorno il Progetto Preliminare e lo Studio di Impatto Ambientale sono trasmessi agli Enti interessati, ai fini della localizzazione e compatibilità ambientale dell’opera e per la richiesta dei finanziamenti necessari. L’avviso di avvio del procedimento è pubblicato il 5 marzo 2013.
Il MIBACT - Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana - con note prot.3921 del 12 marzo 2013, prot. 1415 del 27 gennaio 2014 e prot. 11507 del 17 luglio 2014 - si esprime in merito alla procedura di verifica preventiva dell’interesse archeologico.
La Regione Toscana, con DGR n. 287 del 22 aprile 2013, esprime parere favorevole, con prescrizioni, ai fini dell’intesa sulla localizzazione dell’opera. Tale parere è ribadito con DGR n. 931 del 27 ottobre 2014.
L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013 di aprile 2013.
Il 5 settembre 2013, il MIT convoca la Conferenza di servizi.
L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013 (aggiornamento di settembre 2013).
In data 9 dicembre 2013 Anas presenta istanza di VIA regionale alla Amm.ne Provinciale di Lucca, in quanto gli assi del Sistema Tangenziale di Lucca presentano esclusivamente una sezione stradale di categoria C “extraurbana secondaria” e la normativa per la VIA (LR 10/10) attribuisce la competenza del procedimento per tale categoria di infrastruttura alle Regioni.


2014

Il MIBACT - Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici per le Province di Lucca e Massa Carrara -, con nota prot.2358 del 26 febbraio 2014, esprime parere positivo, con prescrizioni, in merito alla tutela culturale e paesaggistica.
L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014 di aprile 2014.
Nella seduta del 16 aprile la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2013 – 11° Allegato infrastrutture.
Il CIPE, con delibera n. 26 del 1° agosto 2014, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture alla Nota di aggiornamento del DEF 2013.
L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014 (aggiornamento di settembre 2014).
La Provincia di Lucca, con nota prot. 0211563/14 del 21 ottobre 2014, esprime parere positivo di compatibilità ambientale, con prescrizioni.


2016 Marzo

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, nella seduta del 22 gennaio 2016 (prot. N. 58/15), esprime parere, con prescrizioni e raccomandazioni, sul progetto preliminare relativo alla “SS 12 del Brennero. Sistema Tangenziale di Lucca. Viabilità Est di Lucca".


2016 Dicembre

Il CIPE, nella seduta del 10 agosto 2016, approva il progetto preliminare del primo lotto del Sistema tangenziale di Lucca, riguardante la viabilità cittadina, rinviando a nuova istruttoria il secondo lotto.


COSTO PRESUNTO

Previsione di costo al 30 aprile 2010 200,000 Fonte:
Costo ad aprile 2011 116,000 Fonte: DEF 2011
Previsione di costo al 30 aprile 2011 116,000 Fonte: DEF 2011
Costo al 30 giugno 2011 200,000 Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Previsione di costo al 31 dicembre 2011 200,000 Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Costo a giugno 2012 N.D. Fonte: DEF 2012 (aggiornamento settembre 2012)
Previsione di costo al 30 settembre 2012 200,000 Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Costo a dicembre 2012 200,000 Fonte: DEF 2012 (delibera CIPE 136/2012)
Costo a settembre 2013 200,000 Fonte: DEF 2013 (aggiornamento settembre 2013)
Previsione di costo al 31 ottobre 2013 200,000 Fonte: DEF 2013 (aggiornamento settembre 2013)
Costo ad agosto 2014 200,000 Fonte: Delibera CIPE 26/2014
Costo a settembre 2014 200,000 Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)
Previsione di costo al 31 dicembre 2014 200,000 Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)
Previsione di costo al 31 marzo 2016 200,000 Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)
Previsione di costo al 31 dicembre 2016 269,559 Fonte: Provincia di Lucca
QUADRO FINANZIARIO

Disponibilità indicate nella delibera CIPE 121/01 e successivi aggiornamenti:  
Risorse disponibili ad aprile 2011 18,590 - Fonte: DEF 2011
Risorse disponibili al 30 giugno 2011 18,590 - Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Risorse disponibili a giugno 2012 N.D. - Fonte: DEF 2012 (aggiornamento settembre 2012)
Risorse disponibili a dicembre 2012 N.D. - Fonte: DEF 2012 (delibera CIPE 136/2012)
Risorse disponibili a settembre 2013 N.D. - Fonte: DEF 2013 (aggiornamento settembre 2013)
Risorse disponibili ad agosto 2014 N.D. - Fonte: Delibera CIPE 26/2014
Risorse disponibili a settembre 2014 N.D. - Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)

Risorse disponibili al 31 dicembre 2016: 77,903  
Fondi Pubblici 77,903 - Fonte: Provincia di Lucca

Fabbisogno residuo al 31 dicembre 2016: 191,656  

Stato di attuazione a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)

PROGETTAZIONE
Livello di progettazione raggiunto:
Conferenza di servizi:
Note:



AFFIDAMENTO LAVORI
Soggetto aggiudicatore:
Modalità di selezione:
Procedura:
Sistema di realizzazione:
Criterio di aggiudicazione:
Fase progettuale a base di gara:
Tempi di esecuzione:  
Progettazione:
Lavori:
Data bando:
CIG/CUI:
Data aggiudicazione:
Tipo aggiudicatario:
Nome:
Codice fiscale:
Data stipula contratto:
Quadro economico:  
Importo a base di gara (1):
Importo oneri per la sicurezza:
Importo complessivo a base di gara:
Importo di aggiudicazione (2):
Somme a disposizione:
Importo totale:
% Ribasso di aggiudicazione:
% Rialzo di aggiudicazione:
Note:
1) Importo dei lavori, esclusi oneri per la sicurezza, ed eventualmente della progettazione e di altri servizi o forniture
2) Importo dei lavori e degli oneri della sicurezza ed eventualmente della progettazione e di altri servizi e forniture


ESECUZIONE LAVORI
Stato avanzamento lavori:
Data presunta inizio lavori:
Data effettiva inizio lavori:
Stato avanzamento (importo):
Stato avanzamento (percentuale):
Data presunta fine lavori:
Data effettiva fine lavori:
Data presunta fine lavori x varianti:
Tempi realizzazione:
Data collaudo statico:
Data collaudo tecnico-amministrativo:
Note:

Contenzioso
Totale riserve definite:
Importo complessivo riserve definite:
Totale riserve da definire:
Importo complessivo riserve da definire:
Note:

Sospensione lavori
Numero totale:
Giorni di sospensione totali:
Note:

Varianti
Numero totale:
Giorni proroga totali:
Motivi:
Altri motivi:
Importo:
Importo oneri sicurezza:
Somme a disposizione:
Totale: 0,00
Note:
NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO

Intesa Generale Quadro tra Governo e Regione Toscana del 18 aprile 2003
Atto Aggiuntivo all’Intesa Generale Quadro tra Governo e Regione Toscana del 22 gennaio 2010
Intesa Generale Quadro Regione Toscana del 16 giugno 2011
Parere Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici del 22 gennaio 2016
Seduta CIPE del 10 agosto 2016
Siti internet ufficiali


Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione o cliccando su OK acconsenti al loro uso.