logo Camera
SILOS
Sistema Informativo Legge Opere Strategiche

 Formato pdf  

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA
Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico

SCHEDA N. 186
Costo
Quadro finanziario
CUP
Tipologia opera

Edilizia scolastica
Localizzazione
9° Allegato Settembre 2011: No
Soggetto titolare

Più Comuni e Province
Stato di attuazione

Stato di attuazione non classificabile
Ultimazione lavori


Classificazione intervento

Classificazione: CIPE Fondo Infrastrutture
Descrizione

Nel 2010 il MIT, di concerto con il MIUR, ha predisposto un “piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico”, che prevede la realizzazione di 1.706 interventi. Si tratta di un nuovo programma di interventi, dopo il ”Piano straordinario di messa in sicurezza degli edifici scolastici” e successive rimodulazioni, selezionati tra oltre 6.900 richieste degli Enti interessati, per un costo totale di oltre 950 milioni di euro.

DELIBERE CIPE

32/2010
67/2010
6/2012
66/2012
DATI STORICI

2002
La legge n. 289 (finanziaria 2003), agli articoli 60 e 61 istituisce, presso il Ministero dell’economia e delle finanze e il Ministero delle attività produttive, i fondi per le aree sottoutilizzate.

2008

L’art. 6-quinquies del decreto legge n. 112 istituisce, a decorrere dall’anno 2009, un Fondo per il finanziamento, in via prioritaria, di interventi finalizzati al potenziamento della rete infrastrutturale di livello nazionale, comprese le reti di telecomunicazione ed energetiche ed alimentato con gli stanziamenti nazionali assegnati per l’attuazione del Quadro Strategico Nazionale 2007-2013 (“Fondo infrastrutture”).
L’art. 18 del decreto legge n. 185 dispone che il CIPE assegni una quota delle risorse nazionali disponibili del FAS al Fondo infrastrutture, anche per la messa in sicurezza delle scuole, fermo restando il vincolo di destinare alle regioni del Mezzogiorno l'85% delle risorse ed il restante 15% alle regioni del Centro-Nord.
Il CIPE, con delibera n. 112, assegna 7.356 Meuro al Fondo infrastrutture per interventi di competenza del MIT.


2009

La Conferenza unificata del 28 gennaio sancisce l’intesa sugli indirizzi del “Piano straordinario stralcio”.
Il CIPE, con delibera n. 3, assegna 5 miliardi di euro al Fondo infrastrutture, con una destinazione di 1 miliardo di euro per la messa in sicurezza delle scuole e di 200 Meuro per l’edilizia carceraria.
L’art. 4, comma 4, del decreto legge n. 39 riserva alla Regione Abruzzo una quota aggiuntiva delle risorse previste dall’art. 18 del decreto legge n. 185/2008, e autorizza la Regione a modificare il Piano annuale 2009 di edilizia scolastica.
Il CIPE, con delibera n. 51, definisce le disponibilità del Fondo infrastrutture e approva l’elenco degli interventi da attivare nel triennio, prevalentemente riferiti a opere strategiche, con identificazione delle relative fonti di copertura.


2010

Il 29 aprile la Conferenza unificata esprime il proprio parere sul Piano straordinario stralcio, parere poi rettificato con atto del 7 maggio.
Il MIT, con nota del 10 maggio n. 2223, trasmette al CIPE la versione definitiva del Piano straordinario stralcio, con allegata la relazione di sintesi e lo schema di convenzione tra Stato ed enti locali.
Il CIPE, con delibera n. 32, prende atto che, dalla Relazione di sintesi sul Piano straordinario stralcio, risultano più di 6.900 richieste, per un totale di oltre 950 Meuro, e che il MIT, di concerto con il MIUR, ha messo a punto un primo piano per la realizzazione di 1.706 interventi urgenti, piano approvato dalla Conferenza unificata. Per tali interventi è stato predisposto uno schema di convenzione tra Stato (provveditorato interregionale per le opere pubbliche) ed ente proprietario , con la possibilità per l’ente di avvalersi delle strutture dei provveditorati per la progettazione, la direzione dei lavori e le attività di supporto al responsabile del procedimento. Il CIPE assegna 358,4 Meuro - a valere sui 1.000 Meuro di cui alla delibera 3/2009 - agli enti locali proprietari degli edifici scolastici indicati nel «Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico», allegato alla delibera stessa e articolato in tabelle suddivise per regione.
Il CIPE, con delibera n. 67, rettifica l’elenco degli interventi del Piano straordinario relativi alla Regione Liguria (allegato alla delibera n. 32/2010, dal n. 516 al n. 526).
Nell’Allegato Infrastrutture alla DFP 2011-2013 l’intervento non è riportato.


2011 Aprile

Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2011 l’intervento non è riportato.


2011 Dicembre

Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011) l’intervento non è riportato.
La legge 12 novembre 2011, n. 183 (legge di stabilità 2012), all’art. 33, comma 3, assegna al Fondo per lo sviluppo e la coesione una dotazione finanziaria di 2.800 Meuro per l’anno 2015, da destinare prioritariamente alla prosecuzione di interventi infrastrutturali indifferibili, nonché per la messa in sicurezza di edifici scolastici,sulla base di titoli giuridici perfezionati alla data del 30 settembre 2011.


2012 Marzo

Il CIPE, con delibera n. 6 del 20 gennaio, ridefinisce il quadro finanziario complessivo del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il periodo 2012-2015. L'opera è inserita nella tabella "1 - Quadro delle riduzioni di spesa sul Fondo Infrastrutture" con una riduzione di 197,1 Meuro su 358,4 assegnati con delibera CIPE 32/2010 e nella tabella "4 - Assegnazioni a interventi indifferibili e provvisti di titoli giuridici perfezionati (art. 33, comma 3, legge n. 183/2011)" con una assegnazione di 196,3 Meuro.


2012 Settembre

L'opera "Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico" non è riportata nell'Allegato Infrastrutture-Rapporto intermedio di aprile 2012.
Il CIPE, con delibera n. 66 del 30 aprile, prende atto della Relazione illustrativa delle iniziative in atto in materia di edilizia scolastica elaborata congiuntamente dal MIT e dal MIUR. Rispetto alla stato di avanzamento del "Primo programma straordinario stralcio di interventi urgenti per la messa in sicurezza degli edifici scolastici per la prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi anche non strutturali”, gli Enti locali hanno sottoscritto 1.630 convenzioni con il MIT, per un valore di circa 347 Meuro (97 %) e i pagamenti effettuati sono stati pari a 59,5 Meuro (16,6 %). L’attuazione del Primo programma è stata ritardata dalla mancata messa a disposizione di parte delle relative risorse, a seguito della legge di stabilità 2012, risorse poi ristorate con la delibera CIPE n. 6/2012.
L'opera "Piano straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico" non è riportata  nel 10° Allegato Infrastrutture al DEF 2012 (aggiornamento di settembre 2012).


2012 Dicembre

L'opera non è riportata nel 10° Allegato Infrastrutture approvato con delibera CIPE n. 136 del 21 dicembre.


2013 Giugno

L'opera non è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013.


2013 Ottobre

Nella Relazione sullo stato della spesa, sull’efficacia nell’allocazione delle risorse e sul grado di efficienza dell’azione amministrativa svolta dal MIT, corredata dal rapporto sull'attività di analisi e revisione delle procedure di spesa e dell'allocazione delle relative risorse in bilancio, relativa all'anno 2012 e trasmessa alla Presidenza della Camera dei deputati l'11 luglio 2013, si riporta, tra l'altro, lo stato di attuazione dei Programmi di Edilizia scolastica. In relazione al Primo Programma straordinario di interventi urgenti sul patrimonio scolastico finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilità degli elementi, anche non strutturali, degli edifici scolastici (Fondi FAS), si riferisce che sono state sottoscritte da parte degli Enti locali 1.640 convenzioni corrispondenti ad un valore di circa 350 Meuro (98% del totale pari a 358 milioni). Per quanto riguarda le erogazioni effettuate a favore degli Enti locali beneficiari, risultano disposti 1.023 decreti di trasferimento corrispondenti a circa 96.5 Meuro. Per quanto riguarda l’avanzamento fisico, gli interventi ultimati, ovvero con avvenuta comunicazione di ultimazione lavori, risultano 19 per circa 3,5 Meuro.
L'opera non è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013 (aggiornamento di settembre 2013).


2014 Giugno

L'opera non è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014.


2014 Dicembre

Il CIPE, con delibera n. 26 del 1° agosto 2014, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture alla nota di aggiornamento al DEF 2013. L’opera non è inserita nell’Allegato 1, Tabella 0 “Programma delle Infrastrutture Strategiche.
L'opera non è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014.


COSTO PRESUNTO

Previsione di costo al 30 aprile 2010 358,400 Fonte: Delibera CIPE 32/2010
Previsione di costo al 30 aprile 2011 358,400 Fonte: Delibera CIPE 32/2010
Previsione di costo al 31 dicembre 2011 358,400 Fonte: Delibera CIPE 32/2010
Previsione di costo al 30 settembre 2012 357,620 Fonte: Delibera CIPE 6/2012
Previsione di costo al 31 ottobre 2013 357,620 Fonte: Delibera CIPE 6/2012
Previsione di costo al 31 dicembre 2014 357,620 Fonte: Delibera CIPE 6/2012
Previsione di costo al 31 marzo 2016 357,620 Fonte: Delibera CIPE 6/2012
Previsione di costo al 31 dicembre 2016 357,620 Fonte: Delibera CIPE 6/2012
QUADRO FINANZIARIO

Disponibilità indicate nella delibera CIPE 121/01 e successivi aggiornamenti:  

Risorse disponibili al 31 dicembre 2016: 357,620  
Fondo Infrastrutture 161,290 - Fonte: Delibera CIPE 6/2012
FSC - Opere indifferibili (b) 196,330 - Fonte: Delibera CIPE 6/2012

Fabbisogno residuo al 31 dicembre 2016: 0  

(b) Fondo per lo sviluppo e la coesione - Opere indifferibili di cui all’art. 33, comma 3, della legge n. 183/2011
Stato di attuazione a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)

PROGETTAZIONE
Livello di progettazione raggiunto:
Conferenza di servizi:
Note:



AFFIDAMENTO LAVORI
Soggetto aggiudicatore:
Modalità di selezione:
Procedura:
Sistema di realizzazione:
Criterio di aggiudicazione:
Fase progettuale a base di gara:
Tempi di esecuzione:  
Progettazione:
Lavori:
Data bando:
CIG/CUI:
Data aggiudicazione:
Tipo aggiudicatario:
Nome:
Codice fiscale:
Data stipula contratto:
Quadro economico:  
Importo a base di gara (1):
Importo oneri per la sicurezza:
Importo complessivo a base di gara:
Importo di aggiudicazione (2):
Somme a disposizione:
Importo totale:
% Ribasso di aggiudicazione:
% Rialzo di aggiudicazione:
Note:
1) Importo dei lavori, esclusi oneri per la sicurezza, ed eventualmente della progettazione e di altri servizi o forniture
2) Importo dei lavori e degli oneri della sicurezza ed eventualmente della progettazione e di altri servizi e forniture


ESECUZIONE LAVORI
Stato avanzamento lavori:
Data presunta inizio lavori:
Data effettiva inizio lavori:
Stato avanzamento (importo):
Stato avanzamento (percentuale):
Data presunta fine lavori:
Data effettiva fine lavori:
Data presunta fine lavori x varianti:
Tempi realizzazione:
Data collaudo statico:
Data collaudo tecnico-amministrativo:
Note:

Contenzioso
Totale riserve definite:
Importo complessivo riserve definite:
Totale riserve da definire:
Importo complessivo riserve da definire:
Note:

Sospensione lavori
Numero totale:
Giorni di sospensione totali:
Note:

Varianti
Numero totale:
Giorni proroga totali:
Motivi:
Altri motivi:
Importo:
Importo oneri sicurezza:
Somme a disposizione:
Totale: 0,00
Note:
NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO

Decreto legge n. 112 (art. 6-quinquies) del 25 giugno 2008
Decreto legge n. 185 (art. 18) del 29 novembre 2008
Delibera CIPE112/2008 del 18 dicembre 2008
Conferenza Unificata del 28 gennaio 2009
Delibera CIPE 3/2009 del 6 marzo 2009
Decreto legge n. 39 (art. 4, comma 4) del 28 aprile 2009
Decreto legge n. 39 del 28 aprile 2009
Delibera CIPE 51/2009 del 26 giugno 2009
Conferenza Unificata del 29 aprile 2010
Delibera CIPE 32/2010 del 13 maggio 2010
Delibera CIPE 67/2010 del 22 luglio 2010
Delibera CIPE 6/2012 del 20 gennaio 2012
Delibera CIPE 66/2012 del 30 aprile 2012
Relazione sullo stato della spesa, sull’efficacia nell’allocazione delle risorse e sul grado di efficienza dell’azione amministrativa svolta dal MIT dell'11 luglio 2013
Siti internet ufficiali


Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione o cliccando su OK acconsenti al loro uso.