logo Camera
SILOS
Sistema Informativo Legge Opere Strategiche

 Formato pdf  

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO
Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste)
Nodo AV Verona

SCHEDA N. 8
Costo
Quadro finanziario
CUP
  • F81H91000000018
Tipologia opera

Rete ferroviaria
Localizzazione
9° Allegato Settembre 2011: Si
Soggetto titolare

RFI Spa
Stato di attuazione

Procedimento interrotto
Ultimazione lavori


Classificazione intervento

Classificazione: Opere prioritarie DEF 2015
Descrizione

Progetto 2004 - L’intervento costituisce parte della trasversale est-ovest Torino-Milano-Venezia, inserita nel Corridoio europeo n. 5 Lione-Kiev. Si prevede: la realizzazione della nuova linea Alta capacità (AC) per circa 10 km, in prevalente affiancamento all’attuale linea storica Milano-Venezia e la sistemazione della stazione di Porta Nuova, sulla quale sarà incentrato il servizio dei treni viaggiatori. La nuova linea AC comporterà la dismissione dell’attuale scalo merci. E’ previsto, inoltre, uno specifico studio architettonico per valorizzare la zona. Le opere e gli impianti del nodo si connetteranno alle future linee AV/AC Milano-Verona e Verona-Padova, consentendo anche il collegamento dell’asse Milano-Verona-Padova alle altre direttrici (da e per il Brennero e da e per Bologna) che interessano il nodo di Verona. Gli interventi nel nodo di Verona del progetto 2004, con le necessarie modifiche, sono attualmente compresi tra gli interventi relativi all'ingresso nel nodo di Verona delle tratte AV/AC Brescia-Verona (scheda 5) e Verona-Padova (scheda 7).

DELIBERE CIPE

10/2008 (ricusata dalla CC)
DATI STORICI

1986
Nel Piano Generale dei Trasporti si individua per la prima volta la rete ad Alta Velocità (AV) e si prevede il quadruplicamento delle direttrici ferroviarie Torino-Milano-Verona-Venezia e Milano-Bologna-Firenze-Napoli-Battipaglia.

1991
Il Contratto di Programma 1991-1992 tra MIT ed Ente Ferrovie dello Stato stabilisce che il finanziamento della realizzazione del sistema AV sia ripartito tra Stato e privati: lo Stato dovrà coprire il 40% dei costi, più gli oneri per gli interessi relativi alle fasi di costruzione delle opere, di avviamento e di pre-esercizio.

1996
La legge n. 662 (art. 2, comma 15) prevede una verifica parlamentare sullo stato di attuazione del progetto AV, per consentire al Parlamento di valutarne gli obiettivi relativi al potenziamento complessivo della rete ferroviaria ed all'integrazione del nostro sistema dei trasporti con quello europeo.

1998
Il 21 novembre viene firmato il Protocollo d’intesa “per la esecuzione degli studi di approfondimento sul tracciato del quadruplicamento AC Verona-Venezia” tra il MIT, il Ministero dell’Ambiente, la Regione Veneto, le Provincia ed i comuni di Verona, Vicenza e Padova ed FS.

1999
Il MIT istituisce un Tavolo istituzionale per individuare la migliore soluzione di tracciato del quadruplicamento AC della tratta Verona-Padova, con estensione al nodo di Verona per gli aspetti funzionali relativi alla tratta ed istituisce una Commissione Interministeriale per gli approfondimenti sulle previsioni della domanda.
Il Tavolo e la Commissione completano i lavori nel luglio 1999 emanando, rispettivamente:
- un documento di indirizzo che individua il corridoio ottimale della tratta AV in territorio Veneto;
- un documento condiviso dai Ministeri dell’ambiente e dei trasporti che fornisce le previsioni di traffico al 2010.
Nel mese di luglio la Commissione Trasporti della Camera approva una risoluzione in cui dichiara la necessità della realizzazione del quadruplicamento AV della trasversale, impegnando il Governo a completare il progetto della Torino-Venezia e a convocare la CdS.

2001
Nella delibera CIPE n. 121 viene indicato, per l’intero Asse, un costo di 7.901,8 Meuro, con una previsione di spesa nel triennio 2002-2004 pari a 1.601 Meuro.

2002
Gli accordi del 2002 tra Comune, Provincia, Regione ed RFI, concernenti la penetrazione AC del Nodo di Verona ed il potenziamento del Quadrante Europa, pongono le basi per l’acquisizione delle aree necessarie alla realizzazione del sistema AC/AV da parte di TAV, mentre il Comune di Verona si impegna per la predisposizione di una variante al PRG atta a favorire il recepimento del progetto di assetto del Nodo e quindi vincolare urbanisticamente le aree interessate.

2003
La “tratta veneta dell’asse AV/AC Milano-Venezia-Trieste (Corridoio TEN 5)” è compresa nell’intesa generale quadro tra Governo e Regione Veneto, sottoscritta il 24 ottobre.
Viene completato il SIA per il progetto preliminare di sistemazione del Nodo AC/AV di Verona.

2004
Il 20 febbraio viene trasmesso al MIT il progetto preliminare comprensivo del SIA.
RFI trasmette al MIT i dossier relativi alle varianti progettuali ed agli studi tecnico-economici richiesti dalla Regione Veneto.
Il MIT comunica a RFI le valutazioni sui dossier, con riferimento alle soluzioni di minore impatto economico, invitando la Società a provvedere allo sviluppo degli elaborati necessari alla esatta individuazione delle varianti.
La Regione Veneto rinnova la richiesta di una riprogettazione rispettosa delle esigenze dalle comunità locali.

2005
L’8 febbraio la Commissione VIA rilascia parere favorevole sul progetto preliminare
L’art. 1, comma 84, della legge n. 266, per la prosecuzione degli interventi relativi al “sistema AV/AC”, concede a RFI o a società del gruppo contributi quindicennali pari a complessivi 185 Meuro e autorizza un contributo annuale di 15 Meuro per quindici anni a decorrere dall’anno 2006 per il finanziamento delle attività preliminari ai lavori di costruzione, nonché delle attività e lavori da avviare in via anticipata, ricompresi nei progetti preliminari approvati dal CIPE delle linee AV/AC Milano-Genova e Milano-Verona incluso il nodo di Verona.

2007
Il 19 gennaio il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici convoca un’assemblea generale per l’esame del progetto preliminare relativo alla sistemazione del nodo ferroviario AV/AC di Verona.

2008
Il CIPE, con delibera n. 10, approva il progetto preliminare del “nodo AV/AC di Verona”, per 670 Meuro e concede due contributi quindicennali di 840.273 euro (a decorrere dal 2008) e di 653.545 euro (a decorrere dal 2009), a valere sugli stanziamenti autorizzati (a decorrere dal 2008 e dal 2009) dall’art. 2, comma 257, della legge n. 244/2007.
La Corte dei conti, nel rilievo n. 101 del 16 settembre, chiede chiarimenti in ordine alla copertura finanziaria del costo complessivo dell’opera, quantificato al netto dell’IVA in 670 Meuro, in quanto risulta coperto solo 1 Meuro, peraltro già utilizzato per le attività di progettazione preliminare, come risulta dal Contratto di Programma 2007/2011.
In risposta al rilievo della Corte dei conti, il CIPE ribadisce che in una prossima riunione, si provvederà a destinare risorse finanziarie (pari a circa 12 miliardi di euro) disponibili sul FAS per il finanziamento dell’opera in questione.
La Corte dei conti,con Delibera n. 18/2008/P del 15 dicembre 2008, ricusa il visto alla delibera CIPE n. 10/2008 relativa all’opera, in quanto “la programmazione della spesa per far fronte all’opera in questione si presenta allo stato indefinita e non dunque ancora matura per un atto programmatorio pienamente avveduto secondo quanto richiesto dalla vigente normativa”.

2009
Il 6 novembre viene sottoscritto il 2° Atto aggiuntivo all’Intesa Generale Quadro Regione del Veneto nel quale l’opera è confermata tra le infrastrutture di preminente interesse nazionale. Il Nodo di Verona è riportato con un costo di 670 Meuro interamente da reperire ed è inserito tra le opere parzialmente finanziate da avviare entro il 2013.

2010
Il CIPE, con delibera n. 27 del 13 maggio, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento 2009 del CdP RFI 2007-2011.
Nell’Allegato Infrastrutture alla DFP 2011-2013 l’opera “Sistemazione del nodo AV/AC di Verona” è riportata nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche – Aggiornamento 2010”; “2: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere da avviare entro il 2013 ”; “5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2010”.
Nella seduta del 4 novembre la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'accordo sull'Allegato Infrastrutture.
Nel CdP RFI 2007-2011, aggiornamento 2009, sottoscritto il 23 dicembre, sono riportati gli interventi: Nodo di Verona (Progettazione) tra le opere in corso, tabella A04-Sviluppo infrastrutturale rete alta capacità, con un “Costo a Vita Intera” di 18 Meuro interamente disponibli di cui 2 contabilizzati al 2009; Nodo di Verona (Realizzazione) tra le opere programmatiche, A04-Sviluppo infrastrutturale rete alta capacità, con un “Costo a Vita Intera” di 652 Meuro da reperire.

2011 Aprile

Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2011 l’opera "Sistemazione del nodo AV/AC di Verona" è riportata nelle tabelle: “1: Programma delle Infrastrutture Strategiche - Aggiornamento aprile 2011” ; “2: Programma Infrastrutture Strategiche - Opere da avviare entro il 2013 ” ;“5: Stato attuativo dei progetti approvati dal CIPE 2002-2011 (marzo)”.
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 maggio 2011, risulta che l'importo di 670 Meuro risultante dal Progetto Preliminare approvato nella seduta del CIPE del 31.01.2008 dovrà essere aggiornato in relazione al tempo trascorso, ai possibili scenari di avvio dell'opera nonchè agli ulteriori sviluppi progettuali.


2011 Dicembre

Nell’Intesa Generale Quadro con la Regione Veneto del 16 giugno l'opera è riportata tra le priorità. Nell’Intesa, per superare le criticità individuate (reperimento risorse finanziarie e individuazione lotti funzionali e/o costruttivi), si propone lo sviluppo del progetto esecutivo e l’esecuzione dei lavori per lotti costruttivi.
L'art. 32 del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 recante "Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria" istituisce il “Fondo infrastrutture ferroviarie e stradali” e revoca i finanziamenti assegnati dal CIPE entro il 31 dicembre 2008 per la realizzazione delle opere ricomprese nel PIS, per le quali non sia stato emanato il decreto interministeriale e non sia stato pubblicato il relativo bando di gara.
Nell’Allegato Infrastrutture al DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011) l’opera è riportata nella stesse tabelle di aprile. Inoltre, è inserita nella tabella "E:legge 111/2011, art.32, comma 2,3,4" che indica le opere per le quali si procede da subito alla revoca dei finanziamenti.
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2011, non risultano variazioni rispetto al precedente monitoraggio.


2012 Settembre

Il CIPE, con delibera n. 4 del 20 gennaio 2012, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento del CdP 2007-2011 tra il MIT e RFI SpA con prescrizioni. Con riferimento al Nodo di Verona si prende atto della riduzione di 16 Meuro relativi alla mancata assegnazione prevista in favore di tale opera a valere sulle risorse destinate alla prosecuzione del PIS (capitolo 7060 del MIT).
L'opera è riportata nell'Allegato Infrastrutture-Rapporto intermedio di aprile 2012: allegato 5, quadro riepilogativo degli interventi del PIS.
Con Decreto Interministeriale n. 148 dell’8 maggio 2012 sono stati revocati i finanziamenti all’intervento “Sistemazione del nodo AV/AC di Verona” assegnati  con delibera CIPE n. 10. In particolare la revoca riguarda 12 annualità del contributo quindicennale di 840.273 euro (a decorrere dal 2008) per un ammontare complessivo di 10.083.276 euro.
Nel CdP RFI 2007-2011, aggiornamento 2010/2011, sottoscritto tra il MIT e RFI SpA il 21 maggio 2012, l'opera Nodo di Verona figura tra le opere in corso (tabella A03/A04 - Sviluppo infrastrutturale), con un costo aggiornato di 2 Meuro contabilizzato al 2010 e un definanziamento di 16 Meuro, e tra le opere programmatiche (tabella 03/04 - Sviluppo infrastrutturale), con un costo di 668 Meuro interamente da reperire. 
L'opera è riportata nel 10° Allegato Infrastrutture al DEF 2012 (aggiornamento di settembre 2012): Tabella 0, Programma Infrastrutture Strategiche; Tabella 2, Opere in fase di progettazione del PIS. In entrambe le Tabelle non sono riportati costo e disponibilità.
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 30 settembre 2012, non risultano variazioni rispetto al precedente monitoraggio.


2012 Dicembre

Nella seduta del 6 dicembre la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2012 – 10° Allegato infrastrutture.
Il CIPE, con delibera n. 136 del 21 dicembre, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture al DEF 2012.


2013 Giugno

L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013: Tabella 2 - Le opere in progettazione del deliberato CIPE.


2013 Ottobre

L'opera è riportata nell’XI Allegato Infrastrutture al DEF 2013 (aggiornamento di settembre 2013), Tabella 0 - Programma Infrastrutture Strategiche (PIS) Avanzamento complessivo.
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 ottobre 2013, non risultano variazioni rispetto al precedente monitoraggio.


2014 Giugno

L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014, Tabelle: III.1-1 Corridoio Mediterraneo; A.1-1 Tabella 0 - Avanzamento Programma Infrastrutture Strategiche.
Nella seduta del 16 aprile la Conferenza unificata di cui all'articolo 8 del D.lgs. 281/97 sancisce l'intesa sul Programma delle infrastrutture strategiche allegato alla Nota di aggiornamento del DEF 2013 – 11° Allegato infrastrutture.


2014 Dicembre

Il CIPE, con delibera n. 26 del 1° agosto 2014, esprime parere favorevole sull'Allegato Infrastrutture alla Nota di aggiornamento del DEF 2013.
Nel CdP RFI 2012-2016, sottoscritto tra il MIT e RFI Spa l’8 agosto 2014, l’opera AV/AC Milano-Venezia: nodo di Verona è riportata nella Tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A04 – Potenziamento e sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale/Alta Capacità, con un costo di 180 Meuro, una copertura finanziaria complessiva di 2 Meuro da risorse MEF e un fabbisogno di 178 Meuro.
L'opera è riportata nel XII Allegato Infrastrutture al DEF 2014 (aggiornamento di settembre 2014), Tabella delle revoche e delle riassegnazioni di legge Obiettivo; Tabella 0 – Stato dell’arte e degli avanzamenti del Programma Infrastrutture Strategiche; Tabella 0.1 Il programmatico: le opere in progettazione.
Dalla rilevazione dell’AVCP sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 dicembre 2014, per l’opera “Nodo AV/AC di Verona” il RUP comunica che a seguito dell'entrata in vigore della Legge di Stabilità 2014, sono state avviate le attività per la ripresa dell’iter progettuale–autorizzativo degli interventi del nodo di Verona funzionali all’ingresso della tratte AV/AC nel nodo e che tali interventi, del costo complessivo di 522 Meuro, sono compresi in parte nella tratta Brescia-Verona (332 Meuro) e in parte nella tratta Verona-Padova (190 Meuro).


2016 Marzo

La Regione del Veneto, con DGR n. 159 del 13 febbraio 2015, approva l'elenco aggiornato delle opere infrastrutturali ritenute strategiche ed indifferibili per la Regione del Veneto da proporre al MIT per l'inserimento nel prossimo DEF - XII° Allegato infrastrutture. In particolare nell’allegato 1 sono riportati gli "interventi da confermare", nell’allegato 2 gli "interventi da inserire” e nell’allegato 3 gli "interventi da stralciare". L’opera “Nodo AV/AC di Verona”, è inserita nell’allegato 1.
Il CIPE, con delibera n. 112 del 23 dicembre 2015, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento 2015 del CdP RFI 2012-2016 parte investimenti.
Dalla rilevazione dell’ANAC sullo stato di attuazione delle opere comprese nel PIS, che si basa sui dati comunicati dal RUP al 31 marzo 2016, risulta che gli interventi nel nodo di Verona, funzionali all’ingresso delle tratte AV/AC nel nodo, sono compresi tra gli interventi relativi all'ingresso nel nodo di Verona delle tratte AV/AC Brescia-Verona (scheda 5) e Verona-Padova (scheda 7).


2016 Dicembre

Nel CdP RFI 2012-2016, aggiornamento 2015, sottoscritto il 29 aprile 2016, l’opera “AV/AC Milano-Venezia: nodo di Verona” (progettazione preliminare) è riportata nella Tabella A – Portafoglio investimenti in corso e programmatici – A04 – Potenziamento e sviluppo infrastrutturale Rete Convenzionale/Alta Capacità, con un costo di 2 Meuro, interamente finanziato da risorse MEF.
Il CIPE, nella seduta del 10 agosto 2016, esprime parere favorevole sullo schema di aggiornamento 2016 del CdP RFI 2012-2016 parte investimenti.
Nel CdP RFI 2012-2016, aggiornamento 2016, sottoscritto il 17 giugno 2016 e approvato con legge 1 dicembre 2016, n. 225, non è riportata l’opera “AV/AC Milano-Venezia: nodo di Verona”.


COSTO PRESUNTO

Costo al 21 dicembre 2001 N.D. Fonte: Delibera CIPE 121/2001
Previsione di costo al 30 aprile 2004 470,000 Fonte: RFI Spa
Previsione di costo al 30 aprile 2005 470,000 Fonte: RFI Spa
Costo al 6 aprile 2006 N.D. Fonte: Delibera CIPE 130/2006
Previsione di costo al 30 aprile 2007 470,000 Fonte: RFI Spa
Costo al 30 giugno 2008 N.D. Fonte: DPEF 2009-2013
Previsione di costo al 30 aprile 2009 670,000 Fonte: Delibera CIPE 10/2009
Previsione di costo al 30 aprile 2010 670,000 Fonte: DPEF 2010-2013
Costo ad aprile 2011 670,000 Fonte: DEF 2011
Previsione di costo al 30 aprile 2011 670,000 Fonte: DEF 2011
Costo al 30 giugno 2011 670,000 Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Previsione di costo al 31 dicembre 2011 670,000 Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Costo a giugno 2012 N.D. Fonte: DEF 2012 (aggiornamento settembre 2012)
Previsione di costo al 30 settembre 2012 670,000 Fonte: CdP RFI 2007-2011 - Aggiornamento 2010/2011
Costo a dicembre 2012 N.D. Fonte: DEF 2012 (delibera CIPE 136/2012)
Costo a settembre 2013 N.D. Fonte: DEF 2013 (aggiornamento settembre 2013)
Previsione di costo al 31 ottobre 2013 670,000 Fonte: CdP RFI 2007-2011 - Aggiornamento 2010/2011
Costo ad agosto 2014 N.D. Fonte: Delibera CIPE 26/2014
Costo a settembre 2014 N.D. Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)
Previsione di costo al 31 dicembre 2014 180,000 Fonte: CdP RFI 2012-2016
Previsione di costo al 31 marzo 2016 N.D. Fonte: RFI Spa
Previsione di costo al 31 dicembre 2016 N.D. Fonte: RFI Spa
QUADRO FINANZIARIO

Disponibilità indicate nella delibera CIPE 121/01 e successivi aggiornamenti:  
Risorse disponibili al 21 dicembre 2001 N.D. - Fonte: Delibera CIPE 121/2001
Risorse disponibili ad aprile 2011 18,450 - Fonte: DEF 2011
Risorse disponibili al 30 giugno 2011 18,450 - Fonte: DEF 2011 (aggiornamento settembre 2011)
Risorse disponibili a giugno 2012 N.D. - Fonte: DEF 2012 (aggiornamento settembre 2012)
Risorse disponibili a dicembre 2012 N.D. - Fonte: DEF 2012 (delibera CIPE 136/2012)
Risorse disponibili a settembre 2013 N.D. - Fonte: DEF 2013 (aggiornamento settembre 2013)
Risorse disponibili ad agosto 2014 N.D. - Fonte: Delibera CIPE 26/2014
Risorse disponibili a settembre 2014 N.D. - Fonte: DEF 2014 (aggiornamento settembre 2014)

Risorse disponibili al 31 dicembre 2016: 0  
N.D. - Fonte: RFI Spa

Fabbisogno residuo al 31 dicembre 2016: 0  

Stato di attuazione a cura dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC)

PROGETTAZIONE
Livello di progettazione raggiunto: Progettazione preliminare
Conferenza di servizi:
Note: Il Progetto Preliminare e lo Studio di Impatto Ambientale, inviati al CIPE il 20/02/2004 per approvazione ai sensi della “Legge Obiettivo”, sono stati approvati nella seduta del CIPE del 31.01.2008 con un Costo a Vita Intera (CVI) a 670 Mio EUR. Con Delibera n. 18/2008/P del 15 dicembre 2008, la Corte dei Conti ha stabilito che la delibera CIPE n. 10/2008, di approvazione del Progetto Preliminare del Nodo AV/AC di Verona “non può ritenersi conforme a legge e ne va dunque ricusato il visto di legittimità”, pertanto la stessa Delibera CIPE non è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale e l'iter di approvazione non si è perfezionato. L'intervento ed il relativo costo includono le opere relative all'ingresso nel nodo di Verona delle tratte AV/AC Brescia-Verona (v.scheda n.5) e Verona-Padova (v.scheda n.7). Italferr SpA è società del Gruppo FS.

DescrizioneCIPEServizioCosto Prog. InternoImporto Lavori ProgettoImp. GaraImp. Agg.Agg. NomeData InizioData Fine
Progettazione preliminareEsterno 546.000.000,00 916.987,35Italferr SpA31/03/200320/02/2004


AFFIDAMENTO LAVORI
Soggetto aggiudicatore:
Modalità di selezione:
Procedura:
Sistema di realizzazione: Appalto integrato
Criterio di aggiudicazione:
Fase progettuale a base di gara:
Tempi di esecuzione:  
Progettazione:
Lavori:
Data bando:
CIG/CUI:
Data aggiudicazione:
Tipo aggiudicatario:
Nome:
Codice fiscale:
Data stipula contratto:
Quadro economico:  
Importo a base di gara (1):
Importo oneri per la sicurezza:
Importo complessivo a base di gara:
Importo di aggiudicazione (2):
Somme a disposizione:
Importo totale: 0,00
% Ribasso di aggiudicazione:
% Rialzo di aggiudicazione:
Note: L’art.1 comma 76 della Legge n.147/2013 c.d. “Legge di Stabilità 2014” ha stabilito che: ”Le tratte Brescia-Verona-Padova della linea ferroviaria AV/AC Milano-Venezia, la tratta Apice-Orsara e la tratta Frasso Telesino-Vitulano della linea ferroviaria AV/AC Napoli-Bari sono realizzate con le modalita' previste dalle lettere b) e c) del comma 232 e dai commi 233 e 234 dell'articolo 2 della legge 23 dicembre 2009, n. 191. Il CIPE puo' approvare i progetti preliminari delle opere indicate al primo periodo anche nelle more del finanziamento della fase realizzativa e i relativi progetti definitivi a condizione che sussistano disponibilita' finanziarie sufficienti per il finanziamento di un primo lotto costruttivo di valore non inferiore al 10 per cento del costo complessivo delle opere. A tal fine e' autorizzata la spesa mediante erogazione diretta di 120 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2015 al 2029. A valere sui predetti contributi non sono consentite operazioni finanziarie con oneri a carico dello Stato”. Pertanto, a seguito dell'entrata in vigore della Legge di Stabilità 2014, sono state avviate le attività per la ripresa dell’iter progettuale–autorizzativo degli interventi del nodo di Verona funzionali all’ingresso della tratte AV/AC nel nodo, come indicato nelle schede n.5 "Brescia-Verona" e scheda n.7 "Verona-Padova".
1) Importo dei lavori, esclusi oneri per la sicurezza, ed eventualmente della progettazione e di altri servizi o forniture
2) Importo dei lavori e degli oneri della sicurezza ed eventualmente della progettazione e di altri servizi e forniture


ESECUZIONE LAVORI
Stato avanzamento lavori:
Data presunta inizio lavori:
Data effettiva inizio lavori:
Stato avanzamento (importo):
Stato avanzamento (percentuale):
Data presunta fine lavori:
Data effettiva fine lavori:
Data presunta fine lavori x varianti:
Tempi realizzazione:
Data collaudo statico:
Data collaudo tecnico-amministrativo:
Note:

Contenzioso
Totale riserve definite:
Importo complessivo riserve definite:
Totale riserve da definire:
Importo complessivo riserve da definire:
Note:

Sospensione lavori
Numero totale:
Giorni di sospensione totali:
Note:

Varianti
Numero totale:
Giorni proroga totali:
Motivi:
Altri motivi:
Importo:
Importo oneri sicurezza:
Somme a disposizione:
Totale: 0,00
Note:
NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO

CdP RFI 1994-2000 del 23 novembre 2000
CdP RFI 2001-2005 del 2 maggio 2001
PPI RFI del mese di ottobre 2003
Intesa Generale Quadro tra il Governo e la Regione Veneto del 24 ottobre 2003
Delibera CIPE 103/2003 del 13 novembre 2003
Delibera CIPE 91/2004 del 20 dicembre 2004
Legge n.266 (art.1, comma 84) del 23 dicembre 2005
Decreto Legge n. 223 (art. 17) del 4 luglio 2006
Delibera CIPE 10/2008 (ricusata dalla Corte dei Conti) del 31 gennaio 2008
Delibera Corte del Conti n. 18/2008/P del 13 novembre 2008
CdP RFI 2007-2011, aggiornamento 2008 dell'8 giugno 2009
2° Atto aggiuntivo all’Intesa Generale Quadro Regione del Veneto del 6 novembre 2009
CdP RFI 2007-2011, aggiornamento 2009 del 23 dicembre 2010
Intesa Generale Quadro Regione del Veneto del 16 Giugno 2011 del 16 giugno 2011
Art.32 legge 111/2011 del 15 luglio 2011
Delibera CIPE 4/2012 del 20 gennaio 2012
Decreto Interministeriale n. 148 dell'8 maggio 2012
CdP RFI 2007-2011, aggiornamento 2010-2011 del 21 maggio 2012
Decreto Interministeriale n. 405 del 16 novembre 2012
CdP RFI 2012-2016 dell'8 agosto 2014
Delibera Regione del Veneto n. 159 del 13 febbraio 2015
Delibera CIPE 112/2015 del 23 dicembre 2015
CdP RFI 2012-2016, aggiornamento 2015 del 29 aprile 2016
Siti internet ufficiali


Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Proseguendo la navigazione o cliccando su OK acconsenti al loro uso.